Passa ai contenuti principali

Seven

Voto 9. Lunga e impervia la strada che porta al Paradiso. Questo in sintesi il pensiero di uno dei serial killer più riusciti nel mondo del cinema: John Doe. Ritratto da David Fincher e interpretato da Kevin Spacey (il quale ha voluto togliere il proprio nome dai titoli iniziali per consentire una maggior suspense riguardo all'identità del killer) John Doe è un predicatore, amante degli scritti di Tommaso D'Aquino e dei sette peccati capitali. 

Proprio a questi ultimi s'ispirerà nella scelta delle sue vittime e nella messa in scena del delitto. Ogni giorno si vede un peccato capitale dietro l'angolo e non lo si considera, anzi chi lo compie viene considerato un'innocente. Queste le parole di John Doe nelle scene finali del film. Il serial killer infatti compare solamente all'epilogo del film, imponendosi e rubando la scena ai due detective protagonisti del 90% del film.
Nell'oridine il serial killer impartisce la sua punizione ad un obeso, reo di aver vissuto la sua vita apprezzando troppo il cibo, un tale da essere disgustoso solo ad essere guardato; ad un avvocato che spinto dalla passione per i soldi ha difeso assassini e stupratori; ad uno spacciatore forse troppo pigro per trovare un altro lavoro decente; poi ad una prostituta peccatrice di lussuria ed infine ad una donna superba che preferisce morire piuttosto che continuare a vivere con il volto sfigurato.
Mancano due peccati ancora: l'invidia e l'ira, solo alla fine i due detective: William Somerset (Morgan Freeman) e David Mills (Brad Pitt), scopriranno se altre due vittime avrà mietuto John Doe per questi ultimi due peccati.
Proprio i due detective solo il fulcro del film prima dell'epilogo. Anche se il film ruota tutto intorno al serial killer anche quando non c'è (la sua grandezza è sempre presente), Somerset e Mills vengono descritti e caratterizzati in maniera puntuale e precisa da Fincher.
Sommerset tranquillo, riflessivo, pacato, ormai in pensione vuole abbandonare i trambusti della vita che finora ha fatto, sempre a caccia di assassini, ladri, etc.
Mills istintivo, intraprendente ma anche aggressivo, vuole invece essere protagonista delle indagini e continuare nel suo lavoro che tante soddisfazioni gli da, disposto anche a cambiare città per fare il detective.
Tra i due, dati i caratteri opposti non sorgerà un'amicizia immediata, ma grazie a Tracy la moglie di Mills le cose andranno via via meglio, diventando complici.

Trama. Il detective Somerset, subito prima di andare meritatamente in pensione, segue il suo ultimo caso in coppia con il giovane e avventato collega Mills: una serie di omicidi feroci, dietro i quali si delinea la personalità di un fanatico religioso di spaventosa intelligenza.

USCITA CINEMA: 15/12/1995
REGIA: David Fincher
SCENEGGIATURA: Andrew Kevin Walker
ATTORI: Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow, Kevin Spacey, Richard Roundtree, Andrew Kevin Walker, Daniel Zacapa, Bob Mack, Ter Combrie, John Cassini, R. Lee Ermey, John C. McGinley

Commenti

Post popolari in questo blog

I migliori libri thriller: La classifica.

Le vacanze sono ormai alle porte, non c'è quindi nulla di meglio che rilassarsi al mare con un buon libro. Per non addormentarvi però (per via del troppo relax) il consiglio è quello di leggere un buon thriller. Sulla base di ciò, stilerò una classifica con tutti i migliori libri thriller di sempre . Naturalmente si tratta di quelli che ho letto, molti dei quali anche recensito. Quindi, questa per ora è la classifica dei migliori libri thriller letti da me finora, secondo il mio parere soggettivo. Molti sono comunque i grandi libri che potrebbero mancare all'appello e che leggerò sicuramente in futuro, aggiornando questa mia rubrica di consigli estivi. Voto 9: Il ladro di anime di Sebastian Fitzek. L'autore tedesco va di diritto al primo posto della mia personale classifica. Molti sono i suoi romanzi che ho apprezzato, ma questo l'ho trovato eccezionale e sorprendente. Quanto di meglio il mondo del thriller vi possa offrire non perdetelo!! (Cliccate sul t

Babycall - Le ossessioni di una mamma.

Babycall è un film che affronta in maniera thriller il legame viscerale tra una mamma ed un figlio. Si tratta di una storia abbastanza malinconica, che a tratti slitta nel paranormale, sino ad un finale enigmatico. Voto 6. Se pensavate di aver vissuto un’infanzia infelice, dopo la visione di Babycall potrete avere almeno, meno rimpianti. La vita del piccolo Anders (Vetle Qvenild Werring) infatti non sembra delle migliori. Il piccolo trascorre la maggior parte del tempo con la iper-apprensiva madre Anna (Noomi Rapace) . Otto anni non sono tanti ma nemmeno pochi, nonostante ciò, Anders viene trattato alla stregua di un neonato. Se ci può stare l’accompagnamento a scuola, e la privazione delle libere uscite; un po’ eccessivo appare il controllo attraverso Babycall. Babycall oltre ad essere il titolo del film, è anche quel aggeggio che permette ai genitori di sentire cosa combina il figlio nella propria stanza. Una sorta di walkie takie dove un soggetto ascolta e l’altro em

Perfect Stranger

Per il suo compleanno Bruce Willis recita il ruolo del perfetto idiota. Come tutto il mondo saprà, oggi 19 marzo è il compleanno di Bruce Willis , il quale compie 58 anni. Come tutta la blogosfera cinematografica saprà, ogni mese un gruppo di blogger riuniti decide quale attore/attrice celebrare mensilmente, recensendo un film del prescelto. La mia scelta è caduta su Perfect Stranger . Ammetto di averlo scelto non in quanto il mio preferito di Bruce Willis, ma perchè mai visto prima. A posteriori posso dire che forse non è il film adatto per celebrare Willis, sia perchè non è l'attore protagonista, sia perchè la figura che il suo personaggio fa non è delle migliori. Bruce Willis infatti interpreta Harrison Hill , un magnate del marketing e del settore pubblicitario, abile nel suo lavoro, così come lo è nel rapportarsi con il gentil sesso. Harrisson è il classico uomo che non si è fatto da solo, ma è al vertice della carriera grazie ai soldini della moglie. Tuttavia